Archivi tag: romanzi

Avvicinati di Kim Karr

avvicinato
Avvicinati. Connections series
Kim Karr

Titolo: Avvicinati
Autore: Kim Karr
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Genere: Contemporary Romance
Narrazione: prima persona. Nella prima parte del libro Dahlia e negli ultimi capitoli River.

Personalmente ho trovato questo libro straziante, la sofferenza in formato cartaceo, quindi a volte mi era pasante e difficile proseguire e avevo bisogno di aria.
Nella prima parte facciamo la conoscenza con Dahlia, orfana e appassionata di musica rock e il suo fidanzato Ben.
Impariamo a conoscere Ben e ad adorarlo… Finché bam, lui muore in una sparatoria e qui entra in gioco Dahlia ferita e sofferente. In ogni parola traspare il dolore di questa ragazza che non vive più.avvicinati3
Dopo anni la sua amica Aerie la convince a fare un’intervista e a scattare fotografie a un famoso cantante con cui Dahlia aveva avuto un flirt da ragazza: River.
River ci si presenta come la perfezione fatta a ragazzo: sexy, musicista, simpaticissimo e leggermente arrogante. Mentre Dahlia impara ad amare River pure il lettore inizia ad affezionarsi a lui provando la stessa gioia di Dahlia per la svolta positiva della sua vita anche se spesso arrivano i sensi di colpa verso di Ben o sente la mancanza di quest’ultimo.Woman with camera shooting on the beach
Devo però dire che una volta che la relazione tra Dahlia e River si consolida la situazione sfugge leggermente di mano all’autrice che non fa altro che inserire scene di sesso per riempire pagine e pagine e il romanzo diventa perfino noioso.
Il finale… avrei lanciato il libro fuori dalla finestra. Non è un cliffhanger, c’è un bel finale ma le ultime 5 pagine cambiano un po tutte le sorti.
Naturalmente questo è il primo volume di una serie, sempre edita dalla Newton Compton Editori.

Tutti abbiamo un destino, l’unica cosa che conta è la strada che scegliamo per raggiungerlo.

avvicinati1Mi sono commossa a leggere l’omaggio a Samantha Towle (per i libri The Bad Boy/Wild Boy editi da Newton Compton Editori), citando il fantastico protagonista e musicista Jake Wethers e Johnny.
E anche Kellan Kyle protagonista dei libri di S C Stephens.

Annunci

Non mi piaci ma ti amo di Cecile Bertod

non-mi-piaci-ma-ti-amo
Non mi piaci ma ti amo
Cecile Bertod (Autore)

Titolo: Non mi piaci ma ti amo
Autore: Cecile Bertod
Casa editrice: Newton Compton Editori
Genere: contemporary romance
Narrazione: prima persona (Sandy)

Questo libro è uno spasso! Davvero sono secoli che non mi sganciavo così tanto dal ridere! È una fantastica commedia degli equivoci.
Sandy ha 27 anni ed è disoccupata, piena di debiti e pasticciona.
Thomas è ricco, anzi, ricchissimo e ha appena ereditato una fortuna dal defunto nonno ma per poter avere l’eredità dovrà sposare Sandy o essere lasciato da lei.
I due si conoscono dall’infanzia ma si odiano a vicenda.
Si ritroveranno a convivere per soldi e a farsi i dispetti come bambini della scuola materna.

pexels-photo-265871«Thomas, che intenzione hai?»
«Dormire?»
«Forse non ti sei accorto che questa è la mia camera».
Sbircia la stanza, immersa nel caos, poi torna a osservarmi divertito, per scivolare con lo sguardo dai miei occhi alle mie mani, premute sul seno nel tentativo di coprire un indecoroso completino di merletto.
«Posso garantirti di averne la piena consapevolezza».
«Ok, questo scherzo è durato anche troppo. Riprenditi la tua roba e sparisci!», esplodo, cercando di dimenticare di avere le gote in fiamme. Il mio gesto non sortisce alcun effetto, se non quello di strappargli un sorriso. Rimette il cuscino al suo posto e con uno strattone mi sfila il lenzuolo dalle mani, lasciandosi cadere a peso morto sul materasso.
«Thomas…».
«Sandy…», mi rifà il verso.

La narrazione è in prima persona, ed è Sandy a raccontare l’intera storia e che esaspera spesso le vicende e le rende molto spassose ed esasperate al massimo.
Di Sandy ci si innamora subito, invece Thomas personalmente non l’ho trovato simpatico. Troppo altezzoso, perfettino e antipatico.
Rufus, l’amico di Sandy è uno spasso come lei! Il migliore amico che tutte vorrebbero, ma me lo aspettavo gay, invece è etero e pure un bel figliolo dalla descrizione! (Quanto mi piacerebbe leggere un libro con Rufus come protagonista!!!)non-mi-piaci-ma-ti-amo.jpeg
È presente praticamente solo una scena di sesso, e descritta in maniera lieve.
Consiglio questo libro alle ragazze romantiche che vogliono sognare ma anche divertirsi e ridere di gusto e non leggere un libro di drammi.
Vi consiglio di porvelo sotto al ombrellone questa estate! Non perdetevelo!!

«Ma come, non vuoi più sposarmi? Dopo che ti ho aperto il mio cuore… Che insensibile!».

Questo piccolo grande errore di Viviana Leo

questo-piccolo-grande-errore
Questo piccolo grande errore
Viviana Leo

Titolo: Questo piccolo grande errore
Autore: Viviana Leo
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Genere: romance con un pizzico di fantasy
Narrazione: terza persona

Non è perfetta, anzi, è l’antitesi della perfezione, ma forse la amo proprio per questo.
È il secondo romanzo che leggo di Viviana Leo (avevo già letto Sei solo mio e giuro che a breve vi farò la recensione) e le capacità e bravura di questa autrice non si smentiscono. Viviana riesce a trasportarti nel mondo da lei creato e a far sì che  mi immedesimi nei suoi personaggi.
In questo caso Lucy. Ragazza decisamente non filiforme, insicura del suo aspetto fisico e che preferisce passare il tempo libero a guardare serie tv e a leggere libri.
questo-piccolo-grande-errore-candleUna sera, costretta dall’amica Debby, dopo aver fatto baldoria in un locale le due ragazze si imbattono in un mago.
Lucy non crede alle parole del mago e lo sfida ritrovandosi poi la mattina dopo nel letto Steven Darrin, il suo attore preferito. Ma non basta, i due sono legati da un filo e devono trovare il modo di liberarsene.

Forse è questo il problema di noi fan… Tendiamo a pensare che i nostri idoli siano come vorremmo che fossero e non come sono veramente.

La convivenza tra i due non sarà semplice.
Tra gli impegni di lavoro di lui, le colleghe cattive e vendicative e il brutto carattere di Steven.
Lucy si accorge ben presto che il personaggio che Steven interpreta è molto diverso da lui stesso. I due litigano spesso arrivando ad odiarsi.

Preferisco seguire la strada del cuore e non quella dei soldi.

viviana-di-leo-piccolo-grande-erroreLucy invece si dimostra molto diversa dalle ragazze che è abituato a frequentare Steven: mangia ogni tipo di cibo, non si trucca molto, ama gli animali, ha un corpo morbido e non rifatto e soprattutto sa amare col cuore. È una ragazza forte anche se piena di insicurezze che riesce a farci immedesimare in lei.

Noi siamo quelli coi soldi, ma tu sei quella con il cuore.

É una favola moderna, tutte noi abbiamo sognato almeno una volta di poter convivere col nostro attore preferito e qui vengono spiegati bene tutti i risvolti sia positivi che negativi.
É un romanzo che consiglio a tutte le fangirl, a chi crede ancora nell’amore e nella magia.
Di solito non amo le narrazioni in terza persona, ma in questo caso non ci si annoia e si riesce a capire bene la psicologia dei personaggi.

Doveva gettarsi alle spalle il passato se voleva affrontare il presente.

questo-piccolo-grande-errore-viviana-di-leoHo avuto il piacere di conoscere Viviana Leo a Tempo di Libri a Milano, ci ha anche omaggiate di bellissimi segnalibri del romanzo (segnalibro che non userò mai ma sarà un reperto tipo museo: il mio tessssoro).
E ho anche la fortuna e l’onore di averla come amica su Facebook, vedere le foto dei suoi cagnolini e scambiare con lei qualche parola.
È una ragazza di una dolcezza estrema, sempre pronta a regalare un sorriso e a spronare gli altri (ha spronato anche a me!!)

questo-piccolo-di-leo

Grazie Viviana per essere la splendida persona che sei!

9 Novembre di Colleen Hoover

9-novembre-coleen-hover
9 Novembre
Colleen Hoover

Titolo: 9 Novembre
Autore: Colleen Hoover
Casa Editrice: Leggereditore
Genere: New Adult
Narrazione: 1° persona alternata (Fallon e Ben)

Oggi vi parlerò di nuovo di quella che io (e non solo io) definsico la Regina degli New Adult: Colleen Hoover col suo 9 Novembre.

Non puoi mollare ancora. Non ho ancora finito di innamorarmi di te.

9 Novembre è un libro che é schizzato ai vertici della mia personale classifica dei libri belli.
Come al solito i libri della Hoover sono in grado di trasmettere emozioni vere, tanto che se di solito leggo molto velocemente, coi libri di questa autrice voglio assaporare lentamente ogni parola.

9-novembre-coleen-hover

Ti penso ogni secondo di ogni giorno e non so come lasciarti andare.

9-novembre-calendarFallon è una ragazza forte ma insicura a causa di un incidente che l’ha usiotionata sul lato sinistro del suo corpo, incedio avvenuto proprio un 9 novembre e che le ha distrutto la carriera da attrice.
A 18 anni non sa cosa fare della sua vita e si ritrova con un padre attore che non fa altro che sminuirla e qui entra in scena Ben, 18enne come Fallon che si finge il suo ragazzo davanti al padre di lei.
Tra i due c’è una forte connessione e una forte attrazione, un vero e proprio instalove (amore istantaneo).
Fallon è in partenza da L.A. per New York, ma decidono di rivedersi ogni 9 novembre per cinque anni e nel mentre Ben avrebbe scritto la storia della loro relazione in un libro.
E così avviene.
Ogni 9 novembre i due si rincontrano potendosi appresso tragedie, mutamenti e sofferenze…

Mi ci sono voluti quattro anni per innamorarmi di lui. Mi sono bastate quattro pagine per smettere.

Ho sofferto molto. Avevo paura di sapere cosa sarebbe accaduto il 9 novembre successivo, la suspence era infinita ma è un libro davvero bellissimo  e che  insegna tanto.
Non si potrà fare a meno di amare e odiare Ben allo stesso tempo, non lo si capirà mai finché non si leggerà il suo manoscritto (sì, vi è un libro nel libro!!).
Consigliassimo a tutte le eterne romantiche.9-novembre

Dannatamente bello – sussurro
Lei sorride e poi abbassa la testa – mi sento stupida.
A malapena ti conosco, quindi non posso discutere del tuo livello di intelligenza, perché potresti anche essere totalmente stupida. Ma almeno sei bella.

Curiosità: in una scena in un 9 Novembre sono presenti Tate e Miles di Ugly Love L’incastro (im)perfetto
E spesso compare anche Ian sempre presente in Ugly Love.

Ho bisogno che tu sappia che sei sempre stata tu ad avere il mio cuore. E non avrei mai lasciato che qualcuno lo prendesse in prestito se avessi saputo che c’era una sola diavolo di possibilità che tu non me lo avresti mai ridato.

GIVEAWAY Destiny, un amore in gioco di Lindsey Summers

La Newton Compton Editori per la prossima uscita del libro Destiny , un amore in gioco di Lindsey Summers (la pubblicazione in Italia avverrà Giovedì 25 Maggio 2017) ha proposto questo piccolo giveaway.

CI SIAMO, pronti per la #destinymania? Keeley e Talon, i protagonisti di Destiny, un amore in gioco sono molto scoraggiati. A volte, però, il destino può davvero cambiare le cose in amore: raccontategli qualche esempio di come un incidente vi ha fatto innamorare! I più creativi riceveranno un omaggio legato al libro, che aspettate a incoraggiarli? Vi risponderanno Keeley e Talon!
Keeley: keelsbre@libero.it
Talon: talon4@libero.it
Toccate la gif per scoprire a chi scrivere!

GIF-_KEELEYTALON.gif

Io ci ho provato e ho ricevuto una dolcissima risposta da Keeley!

Ciao,
attualmente Talon è senza telefono: ce lo siamo scambiati per sbaglio a una festa.
Gli inoltro io il tuo messaggio, non preoccuparti.

… Guai se ti dice che sono la sua segretaria.
K

P.S. Una possibilità secondo me te l’avrebbe data di sicuro :p ❤

Il confine di un attimo di J. A. Radmerski

Il confine di un attimo di J. A. Redmerski
Il confine di un attimo
J. A. Redmerski

Titolo: Il confine di un attimo
Autore: J. A. Radmerski
Casa Editrice: Fabbri Editori/best BUR Rizzoli
Genere: new adult
Narrazione: 1° persona alternata (Camryn e Andrew)

Questo è un libro di J. A. Radmerski che da molto e lascia molto oltre a far rilfettere parecchio.
Narra la storia di Camryn detta Cam che anche se appena ventenne ha perso il senso della sua vita dopo che il suo fidanzato Ian è morto in un incidente automobilistico, la sua famiglia si è sfasciata e la sua migliore amica Natalie l’ha tradita. Cam decide di intraprendere un viaggio, viaggio sia fisico che mentale, durante la narrazione Cam avrà un vero e proprio mutamento.
Durante un viaggio in pullman Cam incontra Andrew un ragazzo di venticinque anni parecchio scanzonato e fuori dagli schemi. I due si ritrovano a condividere il viaggio assieme e ad aprire i propri cuori a dei segreti profondi e sepolti.
Andrew ha insegnato a Cam a essere sempre se stessa, a non aver paura a dire come la pensa o di sognare a voce alta.
La loro storia si evolve sia a livello mentale che fisico grazie ad Andrew che interpreta leggermente la parte del maniaco pervertito.

Ti ho tolto l’innocenza: ti ho ho messa più a tuo agio con la tua sessualità.

L’argomento sesso anche se presente è sempre tratatto con delicatezza e assolutamente non ci troviamo davanti un libro erotico, è una storia di amore e non di sesso.
È un libro che consiglio a tutti ma se non ci si aspetta un libro divertente e spasso perché no, non lo è. È un libro con protagonisti problematici e complessati ma saranno comunque presenti scene che faranno sorridere.
Bellissima l’alternanza dei punti di vista, così si riesce a capire il punto di vista di entrambi e ad affezionarsi a tutti e due anche se Andrew risulta comunque molto più misterioso rispetto a Cam.

il-confine-di-un-attimo-pic

È presente il seguito intitolato Il confine dell’eternità edito da Fabbri Editori.

Nel libro sono presenti molti brani musicali che i due protagonisti hanno ascoltato e cantato durante il loro viaggio, vi lascio la playlist:

Feel like makin’ love – bad company
Ready for love – bad company
Dust in the wind -kansas
Going to california – zeppelin
Dream on – aerosmith
Raisins my toast
Carry on wayward son – kansas
Hotel california – eagles
Laugh, I nearly died – rolling stones
Barton hollow – civil wars
Poison & wine – civil wars

Brûlant – Anita Borriello

Once I crossed 7 rivers to find my love
And once, for 7 years, I forgot my name
Well, if I have to I will die 7 deaths just to lie
In the arms of my eversleeping aim

Mettendo da parte l’introduzione  musicale (sì, mi piace associare le canzoni ai libri) che  trovo però molto inerente  al  contesto di  questo romanzo in quanto l’amore, qui  descritto si protrae di vita in  vita, in  cui  i protagonisti si ritrovano di volta in volta. E ogni volta la protagonista si innamora dello  stesso amore sebbe sia perfettamente cosciente che non può avvicinarsi a lui se non per prestargli  soccorso  in caso di necessità.
Trama
Christian è sempre stato una persona con un carattere particolare. Per definizione della sua stessa madre, il tipo che guarda vivere gli altri come se la propria vita fosse al di sopra di tutto. In effetti, sebbene non ne sia a conoscenza, Christian è l’Archetipo, l’anima più antica di tutte. Vive comunque un vita che potrebbe considerarsi normale, ha un buon lavoro ed è innamorato di Brigitte, quella che lui chiama la sua fata francese. Ma la sua vita va completamente in pezzi quando la stessa Brigitte decide di allontanarsi da lui. In realtà Brigitte è una Brûlant e il suo compito è quello di proteggere l’anima dell’Archetipo e correre in suo aiuto qualora ne avesse bisogno. Tuttavia Brigitte, nonostante il suo doveroso compito, rimane innamorata di Christian, e tutto questo è contrario alle regole Brûlant. Ormai stanca di trovarsi in ogni sua reincarnazione più vicina a lui senza mai poterlo amare veramente, decide di lasciare le Brûlant, ma la sua amica Michelle riesce a farla desistere da questo proposito e a convincerla a prendersi un momento di distrazione a Praga, presso una delle altre congreghe Brûlant, dove la attende qualcosa di inaspettato…
328506_110653575710123_1444218320_o[1]
Brûlant è essenzialmente un romance. Una storia d’amore ben congeniata che unisce l’amore con qualcosa di magico. Non mi sento di definirlo soprannaturale perché la magia in Brûlant è fortemente naturale, l’anello di congiunzione fra la scienza e la religione, come lo definisce Morrigan. In effetti Brûlant è questo, magia allo stato puro. Per quanto concerne lo stile, il romanzo è scritto molto bene. È pulito, curato, il testo scorrevole, si legge facilmente e con tranquillità, in breve non si rischia di  perdere il filo della narrazione. La trama è ben strutturata, riesce a catturare l’attenzione del lettore e portarla chiedersi il perché e il come di quello che sta per accadere. Per quelli a cui piace c’è anche la storia d’amore, il distacco, la sofferenza per la perdita della persona amata, la gioia del ritrovamento e anche qui il romanzo risulta ben articolato. Personalmente però non sono proprio un amante  delle storie d’amore, percui ho apprezzato molto più la parte legata alle tradizioni e ai costumi delle Brûlant, i loro rituali, le loro conoscenze, le reincarnazioni, le biblioteche. Per quanto riguarda ciò,  l’autrice dimostra di avere un’ottima conoscenza del materiale esoterico e del resto come disse  ella stessa ai tempi dell’intervista che mi concesse per l’Isola, sono  questi argomenti che  la riguardano particolarmnte da vicino. Mi riservo quindi  di consigliere questo romanzo anche a chi abbia un qualche interesse per tali concetti, oltre, come detto a  chi ama il romance e  a questo proposito risultano interessanti anche i salti temporali dovuti principalmente ai sogni dei due protagonisti.  L’autrice, Anita Borriello, ha la capacità di fare entrare il lettore nella mente dei due protagonisti e fargli vivere la loro storia come se fosse un’esperienza personale. Brûlant vi insegnerà che la magia è nelle piccole cose, nel quotidiano, ma soltanto se sappiamo guardare, se ci crediamo veramente, possiamo riuscire a scorgerla.